Fantasmi

Untitled

Stanco di rincorrere
questo non essere all’altezza,
seguo le scie di tutte le promesse mancate,
come aerei che solcano il cielo
e ci portano inesorabilmente via,
senza più bisogno di pensare
che la vita non sarà mai abbastanza.

La pioggia bussa alla finestra
e nei miei sogni che scivolano sul vetro
lavando via i fantasmi del dolore,
che fa tremare ancora,
nel risveglio pacato del mondo,
buio, stretto, senza certezze,
avvolto da una calma apparente,
sospeso sul bordo del vortice
di una fatale caduta libera.

Chissà quante volte dovrò ancora morire.

Sta cambiando il tempo
in questa parte di mondo,
mentre cambio anch’io,
sopravvissuto anche a questa notte.

Annunci

38 pensieri su “Fantasmi

  1. A volte si vorrebbe qualche certezza in più, ma in fondo le certezze impediscono di cercare. La vita è abbastanza quando decidiamo che lo sia, guardando le promesse mantenute e non solo quelle mancate, guardando le scie degli aerei come qualcosa che possa far volare la nostra immaginazione. Lasciando che anche l’immaginazione sia non una fuga dalla realtà, ma una cosa “viva”.
    Un abbraccio
    Alexandra

    • La mia esperienza di vita mi ha portato a cambiare il mio approccio rispetto al passato, a non avere più certezze, a non dare più niente per scontato. La vita accade ed è irrimediabilmente troppo corta. Hai perfettamente ragione nel dire che le (troppe) certezze in fondo impediscono di cercare. Il rischio opposto è indubbiamente quello di restare troppo tempo alla finestra a ‘sognare’. Trovare un equilibrio, una rotta nella navigazione è l’obiettivo….difficile… condizionato da tutto quello che la nostra anima assorbe in questo cammino. Non ho ricette, consigli, soluzioni. E questo mio diario, le parole che condivido con alcuni di voi è il tentativo di rendere possibile la convivenza tra la realtà, i suoi fantasmi e la voglia di fuggire in modo responsabile, per rendere questo percorso meno accidentato.
      Grazie per aver condiviso i tuoi pensieri. 🙂
      Un abbraccio
      Marco

  2. a volte sarebbe bello avere tante certezze, ma così non sarà mai… alcune volte npon sapere dona il giusto pepe.,.. altre, fanno male…
    si muore ogni tanto per poi rinascere…
    la foto che hai messo mi da senso di spazio, libertà, saper finalmente respirare dopo averlo trattenuto.
    che belle parole però, sai…

  3. Tutto cambia, questa l’unica certezza…cambia anche la prospettiva del cambiamento, spesso non è poi così negativo come lo sentiamo, serve a far posto a cose migliori. Bello leggerti, un sorriso a te.

    • Ti ringrazio per i complimenti e per avermi regalato questo commento.
      Sto attraversando un periodo lavorativo molto intenso, con viaggi frequenti, molta pressione e poco tempo libero, per vivere la mia vita come vorrei.
      Spero passi presto… e spero di poter tornare presto qui.
      Un sorriso. Marco x

    • E’ un periodo particolare della mia vita. Sto viaggiando tantissimo per lavoro e non ho più tempo da dedicare a me, per fermarmi a pensare alla mia vita che in questo momento sta sfuggendo via. Non riesco a fermarmi e a fermarla. Cerco di ‘evadere’ dedicandomi ad un altro hobby che coltivo con molto piacere, la fotografia, ma per scrivere ho bisogno di (ri)trovare il mo tempo. x

  4. Pingback: SABATOBLOGGER 41. I blog che seguo | intempestivoviandante's Blog

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...